Con il presente lavoro è stata analizzata la variabilità nel numero di paragnati (dentelli chitinosi) presenti sul faringe del polichete di ambienti salmastriHediste diversicolor. Il faringe è classicamente suddiviso in 7 zone distribuite in una cintura mascellare (I-IV) e una orale (V-VII+VIII). L'assenza di paragnati nella zona V è uno dei caratteri diagnostici diH. diversicolor. Sono stati raccolti 30 individui in ciascuna delle seguenti località: 1) Fiume Morto e 2) Coltano (Toscana nord occidentale), 3) Migliacciaru (Corsica orientale), 4) Baia di Figari (Corsica sud occidentale) e 5) Stagno di Calich (Sardegna nord occidentale). Il conteggio dei paragnati è stato effettuato allo stereomicroscopio su individui fissati in etanolo al 70%. Per tutte le zone del faringe è stata rilevata una notevole variabilità tra le popolazioni che è risultata significativa mediante ANOVA (tutti i valori di P<0.001). Le due popolazioni corse sono caratterizzate da un numero di paragnati superiore rispetto alle altre e la popolazione di Migliacciaru è risultata più asimmetrica rispetto alle altre. L'ANOVA delle misure di asimmetria (|IIsx-IIdx|, |IVsx-IVdx| e |VIsx-VIdx|) ha dato differenziazione significativa tra le popolazioni solo per le zone II e IV. Data la funzione che i paragnati svolgono nell'alimentazione diH. diversicolor, le differenze osservate tra le popolazioni suggeriscono che esse sono localmente adattate a condizioni trofiche peculiari.

Variabilità nel numero di paragnati in popolazioni diHediste diversicolor(Polychaeta, Nereididae) del Mediterraneo occidentale(2004), pp. 1-6. ((Intervento presentato al convegno Conservazione e gestione degli ecosistemi: atti del 14. Congresso nazionale della Società Italiana di Ecologia.

Variabilità nel numero di paragnati in popolazioni diHediste diversicolor(Polychaeta, Nereididae) del Mediterraneo occidentale

Cossu, Piero;
2004

Abstract

Con il presente lavoro è stata analizzata la variabilità nel numero di paragnati (dentelli chitinosi) presenti sul faringe del polichete di ambienti salmastriHediste diversicolor. Il faringe è classicamente suddiviso in 7 zone distribuite in una cintura mascellare (I-IV) e una orale (V-VII+VIII). L'assenza di paragnati nella zona V è uno dei caratteri diagnostici diH. diversicolor. Sono stati raccolti 30 individui in ciascuna delle seguenti località: 1) Fiume Morto e 2) Coltano (Toscana nord occidentale), 3) Migliacciaru (Corsica orientale), 4) Baia di Figari (Corsica sud occidentale) e 5) Stagno di Calich (Sardegna nord occidentale). Il conteggio dei paragnati è stato effettuato allo stereomicroscopio su individui fissati in etanolo al 70%. Per tutte le zone del faringe è stata rilevata una notevole variabilità tra le popolazioni che è risultata significativa mediante ANOVA (tutti i valori di P<0.001). Le due popolazioni corse sono caratterizzate da un numero di paragnati superiore rispetto alle altre e la popolazione di Migliacciaru è risultata più asimmetrica rispetto alle altre. L'ANOVA delle misure di asimmetria (|IIsx-IIdx|, |IVsx-IVdx| e |VIsx-VIdx|) ha dato differenziazione significativa tra le popolazioni solo per le zone II e IV. Data la funzione che i paragnati svolgono nell'alimentazione diH. diversicolor, le differenze osservate tra le popolazioni suggeriscono che esse sono localmente adattate a condizioni trofiche peculiari.
Variabilità nel numero di paragnati in popolazioni diHediste diversicolor(Polychaeta, Nereididae) del Mediterraneo occidentale(2004), pp. 1-6. ((Intervento presentato al convegno Conservazione e gestione degli ecosistemi: atti del 14. Congresso nazionale della Società Italiana di Ecologia.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Maltagliati_F_Capitolol_libro_2004_Variabilita.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione editoriale (versione finale pubblicata)
Licenza: Creative commons
Dimensione 455.94 kB
Formato Adobe PDF
455.94 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11388/262077
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact