AGRIS-Sardegna dal 1991 ha avviato un programma per creare, attraverso incroci controllati, nuovo germoplasma olivicolo, utilizzando le principali cv sarde e ottenendo di diverse decine di ibridi. Questi sono tuttora in fase di valutazione per le caratteristiche morfologiche e pomologiche. AGRIS-Sardegna e l’Università di Sassari collaborano da decenni per lo studio e la valorizzazione delle risorse genetiche dell’olivo in Sardegna di cui questa ricerca è parte. Tale lavoro ha visto principalmente utilizzate le cultivar sarde ‘Tonda di Cagliari’ e del sinonimo ‘Nera di Gonnos’, ‘Semidana’, ‘Tonda di Villacidro’, ‘Pizz’e Carroga’, ‘Tondo sassarese’ e numerose altre appartenenti al germoplasma della Sardegna. Sono state utilizzate anche cultivar extraregionali come la ‘Nocellara del Belice’ e la ‘Picholine’. Il programma ha prodotto una popolazione, che fu messa a dimora, a partire dal 1994 sino al 2000, in apposito campo di confronto. Sviluppo e morfologia della pianta, produttività, caratteri delle drupe e dei noccioli, alcune determinazioni sulla polpa delle selezioni sono risultate particolarmente interessanti per il contenuto di olio e per le sue peculiarità chimico-sensoriali. Sulle drupe sono state determinate le principali caratteristiche carpologiche: peso medio, rapporto polpa/nocciolo, lunghezza e larghezza delle drupe, forma e indice di maturazione sulla base dell’intensità dell’invaiatura. La polpa è stata oggetto di determinazioni analitiche per il contenuto in sostanza secca, l’acidità titolabile, e in alcuni casi anche il contenuto di lipidi e di polifenoli. Anche l’olio estratto dalle drupe è stato oggetto di valutazioni preliminari sia di tipo analitico sia organolettiche. In tale senso si è già operato costituendo ex-novo delle parcelle di valutazione e inserendovi le accessioni con le migliori performance, onde avere maggior materiale vegetale su cui ampliare le valutazioni morfo-biometriche e qualitative dei prodotti ottenuti.

Selezione di accessioni di olivo derivanti da incrocio: ulteriori valutazioni dei caratteri pomologici dei frutti / Sedda, P.; Muntoni, M.; Pili, G.; Corda, F.; Moro C., 1; Dessena, L.; Mulas, M.. - 23:(2018), pp. 76-76. ((Intervento presentato al convegno XII Giornate Scientifiche SOI. tenutosi a Bologna nel 19-22 giugno 2018.

Selezione di accessioni di olivo derivanti da incrocio: ulteriori valutazioni dei caratteri pomologici dei frutti

Dessena L.
Membro del Collaboration Group
;
Mulas M.
Membro del Collaboration Group
2018

Abstract

AGRIS-Sardegna dal 1991 ha avviato un programma per creare, attraverso incroci controllati, nuovo germoplasma olivicolo, utilizzando le principali cv sarde e ottenendo di diverse decine di ibridi. Questi sono tuttora in fase di valutazione per le caratteristiche morfologiche e pomologiche. AGRIS-Sardegna e l’Università di Sassari collaborano da decenni per lo studio e la valorizzazione delle risorse genetiche dell’olivo in Sardegna di cui questa ricerca è parte. Tale lavoro ha visto principalmente utilizzate le cultivar sarde ‘Tonda di Cagliari’ e del sinonimo ‘Nera di Gonnos’, ‘Semidana’, ‘Tonda di Villacidro’, ‘Pizz’e Carroga’, ‘Tondo sassarese’ e numerose altre appartenenti al germoplasma della Sardegna. Sono state utilizzate anche cultivar extraregionali come la ‘Nocellara del Belice’ e la ‘Picholine’. Il programma ha prodotto una popolazione, che fu messa a dimora, a partire dal 1994 sino al 2000, in apposito campo di confronto. Sviluppo e morfologia della pianta, produttività, caratteri delle drupe e dei noccioli, alcune determinazioni sulla polpa delle selezioni sono risultate particolarmente interessanti per il contenuto di olio e per le sue peculiarità chimico-sensoriali. Sulle drupe sono state determinate le principali caratteristiche carpologiche: peso medio, rapporto polpa/nocciolo, lunghezza e larghezza delle drupe, forma e indice di maturazione sulla base dell’intensità dell’invaiatura. La polpa è stata oggetto di determinazioni analitiche per il contenuto in sostanza secca, l’acidità titolabile, e in alcuni casi anche il contenuto di lipidi e di polifenoli. Anche l’olio estratto dalle drupe è stato oggetto di valutazioni preliminari sia di tipo analitico sia organolettiche. In tale senso si è già operato costituendo ex-novo delle parcelle di valutazione e inserendovi le accessioni con le migliori performance, onde avere maggior materiale vegetale su cui ampliare le valutazioni morfo-biometriche e qualitative dei prodotti ottenuti.
978-88-940276-8-6
Selezione di accessioni di olivo derivanti da incrocio: ulteriori valutazioni dei caratteri pomologici dei frutti / Sedda, P.; Muntoni, M.; Pili, G.; Corda, F.; Moro C., 1; Dessena, L.; Mulas, M.. - 23:(2018), pp. 76-76. ((Intervento presentato al convegno XII Giornate Scientifiche SOI. tenutosi a Bologna nel 19-22 giugno 2018.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11388/248425
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact