Spaziando tra Oriente e Occidente, dall'era pre-cristiana alla guerra del Golfo, dal Deuteronomio ai Versi satanici di Salman Rushdie, Peter Partner studia la storia delle crociate cristiane accanto a quella dei vari jihad che scuotono il mondo islamico a cominciare dalle guerre sante del profeta Muhammad, e avverte come ogni analisi debba sempre tener presente, oltre ai sentimenti religiosi, gli interessi politici e materiali che intervengono nei conflitti «santi» da una parte e dall'altra. Nonostante il suo messaggio pacifista il Cristianesimo è stato, infatti, una delle grandi religioni guerriere e le crociate, «le guerre di Dio», non possono essere considerate solo avvenimenti di un remoto passato, ma piuttosto espressioni di una persistente tradizione ideologica presente, per esempio, nella stessa guerra del Golfo. Quanto al mondo islamico, il jihad non è una semplice prosecuzione di un millenario dovere religioso: i motivi sostanziali che incitano i fondamentalisti a proclamare la «guerta santa» sono infatti ben radicati nelle passioni dell'attualità politica, anche se espressi nel linguaggio arcaico della religione. Ripercorrendo le origini storiche e religiose della guerra santa islamica, Partner aiuta dunque a individuare gli aspetti moderni di un fenomeno apparentemente univoco e tradizionale e a dissipare, attraverso un'analisi rigorosa del contesto religioso e della storia socio-politica, l'aura di pericoloso fanatismo che, molto spesso, avvolge il fondamentalismo islamico agli occhi degli osservatori occidentali.

God of Battles / Prosperi, Valentina. - 1:(1997), pp. I-369.

God of Battles

PROSPERI, Valentina
1997

Abstract

Spaziando tra Oriente e Occidente, dall'era pre-cristiana alla guerra del Golfo, dal Deuteronomio ai Versi satanici di Salman Rushdie, Peter Partner studia la storia delle crociate cristiane accanto a quella dei vari jihad che scuotono il mondo islamico a cominciare dalle guerre sante del profeta Muhammad, e avverte come ogni analisi debba sempre tener presente, oltre ai sentimenti religiosi, gli interessi politici e materiali che intervengono nei conflitti «santi» da una parte e dall'altra. Nonostante il suo messaggio pacifista il Cristianesimo è stato, infatti, una delle grandi religioni guerriere e le crociate, «le guerre di Dio», non possono essere considerate solo avvenimenti di un remoto passato, ma piuttosto espressioni di una persistente tradizione ideologica presente, per esempio, nella stessa guerra del Golfo. Quanto al mondo islamico, il jihad non è una semplice prosecuzione di un millenario dovere religioso: i motivi sostanziali che incitano i fondamentalisti a proclamare la «guerta santa» sono infatti ben radicati nelle passioni dell'attualità politica, anche se espressi nel linguaggio arcaico della religione. Ripercorrendo le origini storiche e religiose della guerra santa islamica, Partner aiuta dunque a individuare gli aspetti moderni di un fenomeno apparentemente univoco e tradizionale e a dissipare, attraverso un'analisi rigorosa del contesto religioso e della storia socio-politica, l'aura di pericoloso fanatismo che, molto spesso, avvolge il fondamentalismo islamico agli occhi degli osservatori occidentali.
9788806162221
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11388/88858
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact