Es ergo sum: l'importanza dell'altro nel dialogo-monologo di F.M. Dostoevskij