Il saggio costituisce una prima analisi delle evidenze scultoree della Sardegna paleocristiana, a partire dai sarcofagi per finire con gli arredi liturgici, ovvero altari a cippo e un capitello "a due zone". Si tratta di un numero non elevato di pezzi, soprattutto di importazione ma anche di produzione locale, tra i quali assume particolare rilevanza il frammento di sarcofago a doppio registro con scene bibliche: per esso viene proposto un nuovo inquadramento rispetto a quanto riportato nella letteratura precedente.

L’arte paleocristiana in Sardegna: la scultura / Teatini, Alessandro. - (2002), pp. 387-405.

L’arte paleocristiana in Sardegna: la scultura

TEATINI, Alessandro
2002-01-01

Abstract

Il saggio costituisce una prima analisi delle evidenze scultoree della Sardegna paleocristiana, a partire dai sarcofagi per finire con gli arredi liturgici, ovvero altari a cippo e un capitello "a due zone". Si tratta di un numero non elevato di pezzi, soprattutto di importazione ma anche di produzione locale, tra i quali assume particolare rilevanza il frammento di sarcofago a doppio registro con scene bibliche: per esso viene proposto un nuovo inquadramento rispetto a quanto riportato nella letteratura precedente.
9788873831693
L’arte paleocristiana in Sardegna: la scultura / Teatini, Alessandro. - (2002), pp. 387-405.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11388/75149
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact