La difficile convivenza tra premio di maggioranza e governo parlamentare