Verso un "modello della realtà" archeologico