Il nomos, la mappa e la polis: alle origini della legge