Il malumore del liberale. Vitaliano Brancati e il suo tempo