La «vasta caciara del sinfoniale»: il caleidoscopio delle voci nel ‘Pasticciaccio’