'Actio in rem' e 'actio in personam' di matrice pretoria: il caso del pegno