Dal "territorio come somma di luoghi" allo spazio estensivo della razionalità: una riflessione critica sul progetto della modernità