Negli ultimi anni la fauna selvatica, a causa del progresso tecnologico e della antropizzazione, ha subito la più evidente limitazione al punto che molte sono le specie animali scomparse, altre risultano rarefatte o relegate in spazi sempre più angusti. Eppure gli animali risultano essere parte integrante del patrimonio naturale e componente essenziale dell’ambiente. L’istituzione di zone speciali di protezione come parchi o riserve naturali, aree di salvaguardia e di ripopolamento, contribuisce ad una efficace difesa faunistica per la conservazione e io sviluppo delle specie autoctone allo stato naturale. In questo modo notevoli estensioni di collina e di montagna della nostra regione, scarsamente utilizzate per le sfavorevoli condizioni ambientali, possono essere recuperate introducendo specie animali, come gli ungulati selvatici, per la produzione di soggetti morfologicamente e geneticamente pregevoli da impiegare nella ricostituzione del nostro patrimonio faunistico. I luoghi prescelti devono risultare lontani dai centri abitati, scarsamente antropizzati, non facilmente accessibili, con forti asperità, a bassa densità di strade e con la possibilità di includere successivamente altre zone limitrofe per costituire vaste superfici continuative.

La Reintroduzione degli ungulati selvatici e nuove forme di allevamento / Naitana S; Ledda S. - (1993), pp. 283-293.

La Reintroduzione degli ungulati selvatici e nuove forme di allevamento

LEDDA, Sergio
1993

Abstract

Negli ultimi anni la fauna selvatica, a causa del progresso tecnologico e della antropizzazione, ha subito la più evidente limitazione al punto che molte sono le specie animali scomparse, altre risultano rarefatte o relegate in spazi sempre più angusti. Eppure gli animali risultano essere parte integrante del patrimonio naturale e componente essenziale dell’ambiente. L’istituzione di zone speciali di protezione come parchi o riserve naturali, aree di salvaguardia e di ripopolamento, contribuisce ad una efficace difesa faunistica per la conservazione e io sviluppo delle specie autoctone allo stato naturale. In questo modo notevoli estensioni di collina e di montagna della nostra regione, scarsamente utilizzate per le sfavorevoli condizioni ambientali, possono essere recuperate introducendo specie animali, come gli ungulati selvatici, per la produzione di soggetti morfologicamente e geneticamente pregevoli da impiegare nella ricostituzione del nostro patrimonio faunistico. I luoghi prescelti devono risultare lontani dai centri abitati, scarsamente antropizzati, non facilmente accessibili, con forti asperità, a bassa densità di strade e con la possibilità di includere successivamente altre zone limitrofe per costituire vaste superfici continuative.
88-7138-070-X
La Reintroduzione degli ungulati selvatici e nuove forme di allevamento / Naitana S; Ledda S. - (1993), pp. 283-293.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11388/72284
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact