Dalle convenzioni bilaterali alle "nuove" forme di assistenza