In the past few years some species of the genus Alexandrium have caused harmful blooms in the Gulf of Olbia. In order to better understand patterns of cyst accumulation in the area, the granulometry of sediment has been mapped and dinoflagellate cyst abundance has been assessed in areas characterized by different granulometry. 37 dredgings were collected in 2005, and, on the base of sediment composition and the first cysts screening, a second sampling was performed at 6 selected stations in 2006. The highest cyst density and species diversity were detected in the innermost part of the Gulf and a significant correlation (r = 0.875; n = 6) was detected between the cyst densities and fine sediment (clay + silt).

Il Golfo di Olbia è stato interessato negli anni passati da fioriture dannose di specie del genere Alexandrium. Per comprendere le modalità di deposizione delle cisti di resistenza di queste specie ed altre possibili nocive, è stata effettuata la loro mappatura in relazione alla granulometria del sedimento caratterizzante il fondale del Golfo di Olbia. Nel 2005 è stato svolto un primo campionamento in 37 punti; nel 2006, sulla base dei primi risultati, è stato svolto un secondo campionamento su 6 stazioni selezionate. Le più alte densità e la maggiore varietà di specie sono state riscontrate nella parte più interna del Golfo, è stata inoltre riscontrata una correlazione significativa (r = 0,875, n = 6) fra la densità delle cisti e la percentuale di frazione fine del sedimento (clay+silt).

Cisti di dinoflagellati in sedimenti a diversa granulometria nel Golfo di Olbia / Satta, Cecilia Teodora; DE FALCO, G; Lugliè, Antonella Gesuina Laura; Padedda, Bachisio Mario; Pascucci, Vincenzo; Sechi, Nicola. - 19 (II):(2008), pp. 441-448. ((Intervento presentato al convegno XVII Congresso nazionale dell’Associazione Italiana di Oceanologia e Limnologia tenutosi a Napoli nel 3-7 luglio 2006.

Cisti di dinoflagellati in sedimenti a diversa granulometria nel Golfo di Olbia

SATTA, Cecilia Teodora;LUGLIÈ, Antonella Gesuina Laura;PADEDDA, Bachisio Mario;PASCUCCI, Vincenzo;SECHI, Nicola
2008

Abstract

Il Golfo di Olbia è stato interessato negli anni passati da fioriture dannose di specie del genere Alexandrium. Per comprendere le modalità di deposizione delle cisti di resistenza di queste specie ed altre possibili nocive, è stata effettuata la loro mappatura in relazione alla granulometria del sedimento caratterizzante il fondale del Golfo di Olbia. Nel 2005 è stato svolto un primo campionamento in 37 punti; nel 2006, sulla base dei primi risultati, è stato svolto un secondo campionamento su 6 stazioni selezionate. Le più alte densità e la maggiore varietà di specie sono state riscontrate nella parte più interna del Golfo, è stata inoltre riscontrata una correlazione significativa (r = 0,875, n = 6) fra la densità delle cisti e la percentuale di frazione fine del sedimento (clay+silt).
In the past few years some species of the genus Alexandrium have caused harmful blooms in the Gulf of Olbia. In order to better understand patterns of cyst accumulation in the area, the granulometry of sediment has been mapped and dinoflagellate cyst abundance has been assessed in areas characterized by different granulometry. 37 dredgings were collected in 2005, and, on the base of sediment composition and the first cysts screening, a second sampling was performed at 6 selected stations in 2006. The highest cyst density and species diversity were detected in the innermost part of the Gulf and a significant correlation (r = 0.875; n = 6) was detected between the cyst densities and fine sediment (clay + silt).
Cisti di dinoflagellati in sedimenti a diversa granulometria nel Golfo di Olbia / Satta, Cecilia Teodora; DE FALCO, G; Lugliè, Antonella Gesuina Laura; Padedda, Bachisio Mario; Pascucci, Vincenzo; Sechi, Nicola. - 19 (II):(2008), pp. 441-448. ((Intervento presentato al convegno XVII Congresso nazionale dell’Associazione Italiana di Oceanologia e Limnologia tenutosi a Napoli nel 3-7 luglio 2006.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11388/71630
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact