"Le parole del silenzio": lo specchio opaco del quotidiano