L'AUMENTO DEI LIVELLI PLASMATICI DI OMOCISTEINA PUÒ CONSIDERARSI COME FATTORE DI RISCHIO DI DANNO VASCOLARE NEL DIABETE DI TIPO 1?