Uno «gnommero di parole»: sul lessico romanesco di ‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’