Benjamin Constant: il dispotismo come perdita della politica,