Lo stile dei «Sermoni» di Umiltà da Faenza. Alcune osservazioni