La negazione nel linguaggio precettivo dei sacerdoti romani