Lo Statuto albertino: una costituzione "flessibile"?