Commento alla riforma dell'art. 497