L’area di contatto ligure-piemontese e la “zona grigia” delle vallate monregalesi