Marginalità e nuove forme dell’abitare