Democrazia e religione: una relazione da ripensare?