Dare forma allo spazio: la bellezza come pratica di “cosmicizzazione” del mondo