I saperi locali: una risorsa per il turismo delle zone interne?