LA DIFFICILE CONVIVENZA TRA PAESAGGIO COSTIERO E ATTIVITA’ ANTROPICHE