L’anatomia ottenuta con il più sofisticato apparecchio di diagnostica per immagini non può essere paragonata al momento irripetibile costituito dalla rilevanza di dati anatomici ottenuti con la tecnica dissettoria. Mi pregia presentare questa guida frutto del lavoro dei miei collaboratori, che unendo le loro esperienze differenti, in campo anatomico ed in campo neurochirurgico, hanno saputo fondere le conoscenze di anatomia classica del basicranio con le più moderne conoscenze di approccio chirurgico a questa complicata area topografica che affascina non solo l’anatomico ma anche il chirurgo. Questa collaborazione appare di indubbio vantaggio reciproco: se da un lato l’anatomico ammira le numerose e complesse vie che il neurochirurgo può utilizzare per giungere all’obiettivo finale, il neurochirurgo non può che trarre vantaggio nell’osservare il fine lavoro di dissezione che l’anatomico effettua piano dopo piano attraverso lo scollamento delicato e preciso delle strutture anatomiche. Il testo nasce dall’esigenza di fornire agli addetti ai lavori (neurochirurghi, studenti, specializzandi….) una guida di facile consultazione che consenta di conoscere, ma soprattutto approfondire, le tecniche più utilizzate in campo neurochirurgico per gli approcci al basicranio. La sua divulgazione avverrà in concomitanza di corsi pratici durante i quali si assisterà alla dissezione autoptica del basicranio, supportando la dimostrazione con preliminari lezioni teoriche ed infine con il riferimento alla guida.

Approcci chirurgici al basicranio: guida alla dissezione / Carai, A; FENU PINTORI, Grazia; Sechi, E.. - 137:(2010), pp. 7-40.

Approcci chirurgici al basicranio: guida alla dissezione.

FENU PINTORI, Grazia;
2010

Abstract

L’anatomia ottenuta con il più sofisticato apparecchio di diagnostica per immagini non può essere paragonata al momento irripetibile costituito dalla rilevanza di dati anatomici ottenuti con la tecnica dissettoria. Mi pregia presentare questa guida frutto del lavoro dei miei collaboratori, che unendo le loro esperienze differenti, in campo anatomico ed in campo neurochirurgico, hanno saputo fondere le conoscenze di anatomia classica del basicranio con le più moderne conoscenze di approccio chirurgico a questa complicata area topografica che affascina non solo l’anatomico ma anche il chirurgo. Questa collaborazione appare di indubbio vantaggio reciproco: se da un lato l’anatomico ammira le numerose e complesse vie che il neurochirurgo può utilizzare per giungere all’obiettivo finale, il neurochirurgo non può che trarre vantaggio nell’osservare il fine lavoro di dissezione che l’anatomico effettua piano dopo piano attraverso lo scollamento delicato e preciso delle strutture anatomiche. Il testo nasce dall’esigenza di fornire agli addetti ai lavori (neurochirurghi, studenti, specializzandi….) una guida di facile consultazione che consenta di conoscere, ma soprattutto approfondire, le tecniche più utilizzate in campo neurochirurgico per gli approcci al basicranio. La sua divulgazione avverrà in concomitanza di corsi pratici durante i quali si assisterà alla dissezione autoptica del basicranio, supportando la dimostrazione con preliminari lezioni teoriche ed infine con il riferimento alla guida.
978-88-548-3228-2
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11388/53330
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact