Massimiliano Fuksas. Sul cominciare e sul finire