Ipertensione arteriosa, ipertrofia ventricolare e rigidità vascolare: quale ruolo nel rischio cardiovascolare?