Rousseau e Condorcet. La libertà uguale tra natura e artificio