Analisi dei meccanismi che scattano nel confronto tra inquisitori ed inquisiti (soprattutto donne)appartenenti alle culture subalterne. Nel caso di Julia Carta (che presenta un valore emblematico), le resistenze vengono meno di fronte al potere repressivo, dando luogo a una ricezione (per quanto strumentale e provvisoria) delle categorie inquisitoriali.

Inquisizione e linguaggi simbolici subalterni: il caso di Julia Carta / Pinna, Tomasino. - (2012), pp. 1045-1065. ((Intervento presentato al convegno Le voci delle dee (IX Convegno Internazionale Gruppo di ricerca Escritoras y Escrituras, Università di Siviglia tenutosi a Sassari nel 20/21/22 settembre 2012.

Inquisizione e linguaggi simbolici subalterni: il caso di Julia Carta

PINNA, Tomasino
2012

Abstract

Analisi dei meccanismi che scattano nel confronto tra inquisitori ed inquisiti (soprattutto donne)appartenenti alle culture subalterne. Nel caso di Julia Carta (che presenta un valore emblematico), le resistenze vengono meno di fronte al potere repressivo, dando luogo a una ricezione (per quanto strumentale e provvisoria) delle categorie inquisitoriali.
978-84-15335-30-6
Inquisizione e linguaggi simbolici subalterni: il caso di Julia Carta / Pinna, Tomasino. - (2012), pp. 1045-1065. ((Intervento presentato al convegno Le voci delle dee (IX Convegno Internazionale Gruppo di ricerca Escritoras y Escrituras, Università di Siviglia tenutosi a Sassari nel 20/21/22 settembre 2012.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11388/50880
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact