“I colori sono il modo con cui ci appaiono le superfici”1. Di ogni oggetto, sia esso pic- colo o grande, “dal cucchiaio alla città” direbbe Max Bill, si coglie solo il limine, la frontiera, la configurazione esteriore, la pelle o, per meglio dire, l’epidermide2. È ogni superficie colpita o meno dalla luce che risolve il rilevamento ottico della presenza del mondo materiale e di tutto ciò che lo costituisce.

L’ARCHITETTURA E I SUOI LIMINI CROMATICI / Gasparini, Katia; Zennaro, Pietro. - 1:(2008), pp. 117-126.

L’ARCHITETTURA E I SUOI LIMINI CROMATICI

katia gasparini
;
2008-01-01

Abstract

“I colori sono il modo con cui ci appaiono le superfici”1. Di ogni oggetto, sia esso pic- colo o grande, “dal cucchiaio alla città” direbbe Max Bill, si coglie solo il limine, la frontiera, la configurazione esteriore, la pelle o, per meglio dire, l’epidermide2. È ogni superficie colpita o meno dalla luce che risolve il rilevamento ottico della presenza del mondo materiale e di tutto ciò che lo costituisce.
9788862160100
L’ARCHITETTURA E I SUOI LIMINI CROMATICI / Gasparini, Katia; Zennaro, Pietro. - 1:(2008), pp. 117-126.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11388/299349
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact