È noto come la vulnerabilità degli edifici storici venga studiata soprattutto in occasione di eventi sismici. Essendo la Sardegna una regione classificata a basso rischio, è posta ai margini di tali approfondimenti (legislativi e culturali). Appare però necessario salvaguardare il patrimonio anche in tali contesti. Viene pertanto presentato uno studio sul funzionamento strutturale delle chiese secondo tipologie ricorrenti e una disamina di consolidamenti eseguiti dal 1950 al 2000. Questo costituisce il presupposto per la comprensione delle strutture in muratura, per indirizzare alla scelta di interventi di mitigazione del rischio, compatibili con la natura dei manufatti e con i loro valori.

Vulnerabilità e rischio in Sardegna. Il tema delle chiese tra dissesti e restauri / Dessi', Maria. - (2021), pp. 1-188.

Vulnerabilità e rischio in Sardegna. Il tema delle chiese tra dissesti e restauri.

maria dessì
2021

Abstract

È noto come la vulnerabilità degli edifici storici venga studiata soprattutto in occasione di eventi sismici. Essendo la Sardegna una regione classificata a basso rischio, è posta ai margini di tali approfondimenti (legislativi e culturali). Appare però necessario salvaguardare il patrimonio anche in tali contesti. Viene pertanto presentato uno studio sul funzionamento strutturale delle chiese secondo tipologie ricorrenti e una disamina di consolidamenti eseguiti dal 1950 al 2000. Questo costituisce il presupposto per la comprensione delle strutture in muratura, per indirizzare alla scelta di interventi di mitigazione del rischio, compatibili con la natura dei manufatti e con i loro valori.
979-12-80414-83-0
Vulnerabilità e rischio in Sardegna. Il tema delle chiese tra dissesti e restauri / Dessi', Maria. - (2021), pp. 1-188.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11388/283247
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact