L’enzima HIV-1 integrasi rappresenta un promettente e validato target per lo sviluppo di nuovi agenti terapeutici anti-AIDS. Sono state individuate diverse classi di inibitori ed al momento i β-dichetoacidi costituiscono la più importante. Con lo scopo di progettare e sintetizzare nuovi analoghi bioisosterici, il farmacoforo costituito dalla catena β-dichetoacida è stato incorporato in un nucleo isossazolico. Sono stati quindi preparati una serie di acidi aril- ed eteroaril isossazolici ed alcuni di questi hanno mostrato attività inibitoria nei confronti dell’HIV-1 IN purificata in un range di concentrazione dell’ordine micromolare.

Studi strutturistici di isossazoli 3,5-disostituiti mediante spettroscopia1H-NMR / Sechi, Mario. - (2004). ((Intervento presentato al convegno SardiniaChem 2004: giornata di studio dedicata alla chimica organica delle molecole biologicamente attive.

Studi strutturistici di isossazoli 3,5-disostituiti mediante spettroscopia1H-NMR

Sechi, Mario;Orecchioni, Maria;Paglietti, Giuseppe;
2004

Abstract

L’enzima HIV-1 integrasi rappresenta un promettente e validato target per lo sviluppo di nuovi agenti terapeutici anti-AIDS. Sono state individuate diverse classi di inibitori ed al momento i β-dichetoacidi costituiscono la più importante. Con lo scopo di progettare e sintetizzare nuovi analoghi bioisosterici, il farmacoforo costituito dalla catena β-dichetoacida è stato incorporato in un nucleo isossazolico. Sono stati quindi preparati una serie di acidi aril- ed eteroaril isossazolici ed alcuni di questi hanno mostrato attività inibitoria nei confronti dell’HIV-1 IN purificata in un range di concentrazione dell’ordine micromolare.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Sannia_L_ContrCongr_2004_Studi.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione editoriale (versione finale pubblicata)
Licenza: Non specificato
Dimensione 1.57 MB
Formato Adobe PDF
1.57 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11388/264116
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact