La struttura genetica del policheteHediste diversicolordel Mediterraneo occidentale è stata studiata utilizzando gli ISSR (Inter Simple Sequence Repeats) come marcatori genetici. Sono stati raccolti 30 individui in ciascuna delle seguenti località: Stagno di Calich (Sardegna N-O), Baia di Figari (Corsica S-O), Migliacciaru (Corsica E), Fiume Morto (Toscana N-O) e Coltano (Toscana N-O). L'MDS applicato alle distanze genetiche individuali ha mostrato elevata diversità tra gli individui, ma non ha messo in evidenza alcuna sottostrutturazione genetica nelle popolazioni. Un forte segnale della divergenza genetica tra le popolazioni è dato dal fatto che il 37% del numero totale di bande rilevato è costituito da bande private, cioè esclusive di una popolazione. La varianza genetica, analizzata mediante AMOVA, è risultata equamente ripartita nelle componenti intra- e inter-popolazione (rispettivamente 46.9% e 53.1%). La Φ-statistica ha evidenziato la divergenza genetica tra le popolazioni (Φst= 0.469, P<0.001). La notevole divergenza genetica tra le popolazioni diH. diversicolorè determinata in primo luogo dalla frammentazione naturale dell'habitat che produce isolamento con virtuale assenza di flusso genico tra le popolazioni. L'assenza di sottostrutturazione delle popolazioni, invece, conferma le osservazioni fatte in passato sulla dispersione degli adulti e delle postlarve all'interno dei singoli biotopi.

Analisi della struttura genetica diHediste diversicolor(Polychaeta, Nereididae) nel Mediterraneo occidentale mediante marcatori ISSR / Casu, Marco; Curini Galletti, Marco. - (2004), p. 5. ((Intervento presentato al convegno Conservazione e gestione degli ecosistemi: atti del 14. Congresso nazionale della Società Italiana di Ecologia.

Analisi della struttura genetica diHediste diversicolor(Polychaeta, Nereididae) nel Mediterraneo occidentale mediante marcatori ISSR

Casu, Marco;Curini Galletti, Marco;Cossu, Piero;Lai, Tiziana;
2004

Abstract

La struttura genetica del policheteHediste diversicolordel Mediterraneo occidentale è stata studiata utilizzando gli ISSR (Inter Simple Sequence Repeats) come marcatori genetici. Sono stati raccolti 30 individui in ciascuna delle seguenti località: Stagno di Calich (Sardegna N-O), Baia di Figari (Corsica S-O), Migliacciaru (Corsica E), Fiume Morto (Toscana N-O) e Coltano (Toscana N-O). L'MDS applicato alle distanze genetiche individuali ha mostrato elevata diversità tra gli individui, ma non ha messo in evidenza alcuna sottostrutturazione genetica nelle popolazioni. Un forte segnale della divergenza genetica tra le popolazioni è dato dal fatto che il 37% del numero totale di bande rilevato è costituito da bande private, cioè esclusive di una popolazione. La varianza genetica, analizzata mediante AMOVA, è risultata equamente ripartita nelle componenti intra- e inter-popolazione (rispettivamente 46.9% e 53.1%). La Φ-statistica ha evidenziato la divergenza genetica tra le popolazioni (Φst= 0.469, P<0.001). La notevole divergenza genetica tra le popolazioni diH. diversicolorè determinata in primo luogo dalla frammentazione naturale dell'habitat che produce isolamento con virtuale assenza di flusso genico tra le popolazioni. L'assenza di sottostrutturazione delle popolazioni, invece, conferma le osservazioni fatte in passato sulla dispersione degli adulti e delle postlarve all'interno dei singoli biotopi.
Analisi della struttura genetica diHediste diversicolor(Polychaeta, Nereididae) nel Mediterraneo occidentale mediante marcatori ISSR / Casu, Marco; Curini Galletti, Marco. - (2004), p. 5. ((Intervento presentato al convegno Conservazione e gestione degli ecosistemi: atti del 14. Congresso nazionale della Società Italiana di Ecologia.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Cossu_P_Capitolo_libro_2004_Analisi.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione editoriale (versione finale pubblicata)
Licenza: Creative commons
Dimensione 311.13 kB
Formato Adobe PDF
311.13 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11388/263560
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact