L'ipotesi di questa ricerca si muove in tre direzioni. La prima vuole dimostrare che, in casi specifici, i ragazzi sardi dai 6 ai 10 anni sono psicologicamente pronti ad affrontare l'apprendimento di una lingua straniera che in realtà per loro è una L3 e non una L2. La seconda intende evidenziare il ruolo della famiglia nell'apprendimento di una lingua straniera. La terza vuole essere un'esemplificazione di ciò che è possibile insegnare - e in che maniera - la L2 ai ragazzi delle elementari.

Il Ruolo materno nell'apprendimento della lingua straniera2:(1987), pp. 102-107. ((Intervento presentato al convegno La psicologia: modelli interpretativi per le scienze mediche e pedagogiche: atti del Convegno in memoria di Angelo Beretta.

Il Ruolo materno nell'apprendimento della lingua straniera

1987

Abstract

L'ipotesi di questa ricerca si muove in tre direzioni. La prima vuole dimostrare che, in casi specifici, i ragazzi sardi dai 6 ai 10 anni sono psicologicamente pronti ad affrontare l'apprendimento di una lingua straniera che in realtà per loro è una L3 e non una L2. La seconda intende evidenziare il ruolo della famiglia nell'apprendimento di una lingua straniera. La terza vuole essere un'esemplificazione di ciò che è possibile insegnare - e in che maniera - la L2 ai ragazzi delle elementari.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Ruju_F_Ruolo_materno_nell_apprendimento.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione editoriale (versione finale pubblicata)
Licenza: Non specificato
Dimensione 313.88 kB
Formato Adobe PDF
313.88 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11388/262210
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact