Commento all'art. 48 (Errore determinato dall'altrui inganno)