La minaccia più grave che incombe sul pianeta è l’attuale sistema finanziario ultraglobalizzato che deprime la crescita economica, aumenta la disuguaglianza, impoverisce la gente, e diffonde insicurezza e paura del futuro. Sono quasi cinquant’anni che il capitalismo dei mercati finanziari ha preso il potere in Occidente. La sua ideologia è il neoliberalismo, un pensiero unico che prevale nel mondo accademico, nella società civile e nella politica, a destra come a sinistra. L’Unione Europea ne è diretta espressione e la superburocrazia che la governa in condizioni di pesante deficit democratico agisce con la complicità dei media, per lo più allineati a questo strapotere.

I padroni della finanza mondiale. Lo strapotere che ci minaccia e i contromovimenti che lo combattono / Arlacchi, Giuseppe. - (2018), pp. 1-279.

I padroni della finanza mondiale. Lo strapotere che ci minaccia e i contromovimenti che lo combattono

Arlacchi, giuseppe
2018

Abstract

La minaccia più grave che incombe sul pianeta è l’attuale sistema finanziario ultraglobalizzato che deprime la crescita economica, aumenta la disuguaglianza, impoverisce la gente, e diffonde insicurezza e paura del futuro. Sono quasi cinquant’anni che il capitalismo dei mercati finanziari ha preso il potere in Occidente. La sua ideologia è il neoliberalismo, un pensiero unico che prevale nel mondo accademico, nella società civile e nella politica, a destra come a sinistra. L’Unione Europea ne è diretta espressione e la superburocrazia che la governa in condizioni di pesante deficit democratico agisce con la complicità dei media, per lo più allineati a questo strapotere.
9788832960617
I padroni della finanza mondiale. Lo strapotere che ci minaccia e i contromovimenti che lo combattono / Arlacchi, Giuseppe. - (2018), pp. 1-279.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11388/245209
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact