Per effetto della pandemia COVID 19, da qualche mese la didattica a distanza (DAD) è velocemente passata dallo status di remota curiosità tecnologica alla concretissima e quotidiana modalità in cui portiamo avanti il nostro lavoro di docenti/progettisti. Adattarsi a questa novità ha imposto di rimodulare gli obbiettivi, riadattare i linguaggi. Per la didattica del design ciò ha significato ricalibrare le esperienze attorno a cui le strategie di insegnamento si sono a lungo appoggiate, elaborando nuove metafore, analogie ed esemplificazioni. Per quanto faticoso, problematico, in alcuni casi certo riduttivo, quanto ne è scaturito si è però anche rivelato istruttivo, stimolante: nel complesso persino rigenerante. Ci siamo dovuti mettere in discussione e abbiamo imparato – come dovrebbe essere con la migliore didattica – cose nuove, inaspettate. Al punto che forse il modo di ognuno di noi di intendere l’insegnamento non potrà semplicemente tornare ad essere lo stesso di prima. Il racconto, in questo volume, di tre piccoli esperimenti in cui, durante il primo lockdown della primavera del 2020, l’insegnamento del design si è forzatamente trasferito in questa nuova dimensione, producendo ottimi risultati, vuol’essere allora un’opportunità per riflettere sull’insegnabilità del design e su quali abilità sia più importante trasmettere ai nostri studenti.

Design e didattica a distanza. Le ‘lezioni’ del lockdown / Ceccarelli, Nicolò Giacomo Bernardo. - (2020), pp. 1-103.

Design e didattica a distanza. Le ‘lezioni’ del lockdown

nicolò ceccarelli
2020

Abstract

Per effetto della pandemia COVID 19, da qualche mese la didattica a distanza (DAD) è velocemente passata dallo status di remota curiosità tecnologica alla concretissima e quotidiana modalità in cui portiamo avanti il nostro lavoro di docenti/progettisti. Adattarsi a questa novità ha imposto di rimodulare gli obbiettivi, riadattare i linguaggi. Per la didattica del design ciò ha significato ricalibrare le esperienze attorno a cui le strategie di insegnamento si sono a lungo appoggiate, elaborando nuove metafore, analogie ed esemplificazioni. Per quanto faticoso, problematico, in alcuni casi certo riduttivo, quanto ne è scaturito si è però anche rivelato istruttivo, stimolante: nel complesso persino rigenerante. Ci siamo dovuti mettere in discussione e abbiamo imparato – come dovrebbe essere con la migliore didattica – cose nuove, inaspettate. Al punto che forse il modo di ognuno di noi di intendere l’insegnamento non potrà semplicemente tornare ad essere lo stesso di prima. Il racconto, in questo volume, di tre piccoli esperimenti in cui, durante il primo lockdown della primavera del 2020, l’insegnamento del design si è forzatamente trasferito in questa nuova dimensione, producendo ottimi risultati, vuol’essere allora un’opportunità per riflettere sull’insegnabilità del design e su quali abilità sia più importante trasmettere ai nostri studenti.
9788835112518
Design e didattica a distanza. Le ‘lezioni’ del lockdown / Ceccarelli, Nicolò Giacomo Bernardo. - (2020), pp. 1-103.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11388/239595
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact