Lyotard, la singolarità e il desiderio