Dal paesaggio produttivo al paesaggio della conoscenza