Architettura post-industriale: inerzia e territori inoperosi