Iscrivere lo spazio nelle epigrafi. Riflessioni sul caso di Gortina di Creta