Alcune osservazioni sull’«imitatio Homeri» (e la sua ricezione) nella «Gerusalemme conquistata» e sul personaggio di Erminia/Nicea