«Mi sembra di vederla sotto l’elce del Monte, col suo bastone, i suoi occhi buoni». Sebastiano Satta: la sua vita, il suo mondo, il suo tempo