Un nuovo strumento di studio (e di lettura): il 'Vocabolario dantesco'