Tra le strutture tardoantiche dell'isolato di San Girolamo della Carità a Roma è da notare un grosso pilastro alla cui base è reimpiegata un'urna cineraria in marmo, della quale è visibile il fianco destro e gran parte del lato anteriore. Tali parti sono sufficienti a definire la morfologia dell'esemplare e il suo apparato decorativo, così da poterlo agevolmente inquadrare nell'ambito della produzione urbana durante il periodo di maggior diffusione di questi manufatti, tra la fine del I e l'inizio del II secolo d.C.

Urna romana reimpiegata nelle strutture tardoantiche / Teatini, Alessandro. - (2019), pp. 135-138.

Urna romana reimpiegata nelle strutture tardoantiche

Teatini Alessandro
2019-01-01

Abstract

Tra le strutture tardoantiche dell'isolato di San Girolamo della Carità a Roma è da notare un grosso pilastro alla cui base è reimpiegata un'urna cineraria in marmo, della quale è visibile il fianco destro e gran parte del lato anteriore. Tali parti sono sufficienti a definire la morfologia dell'esemplare e il suo apparato decorativo, così da poterlo agevolmente inquadrare nell'ambito della produzione urbana durante il periodo di maggior diffusione di questi manufatti, tra la fine del I e l'inizio del II secolo d.C.
978-88-8333-822-9
Urna romana reimpiegata nelle strutture tardoantiche / Teatini, Alessandro. - (2019), pp. 135-138.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11388/222541
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact